Le peggiori zone in cui investire i tuoi capitali

Le peggiori zone in cui investire i tuoi capitaliSo che per molti è una cosa ovvia, ma voglio ribadirlo con fermezza: comprare immobili in una zona popolare, o “ghetto”, come si dice negli Stati Uniti, è una delle operazioni peggiori che si possano fare.

Spesso chi non conosce bene gli Stati Uniti è attratto dai prezzi estremamente bassi che si trovano negli annunci e vengono sbandierati in tv.

L’esempio classico è “compra casa a Detroit a 5.000 dollari” o “compra casa a Miami a 25.000 dollari e mettila in affitto”.

Quello che gli annunci non dicono è che quasi sempre le case proposte si trovano nei cosiddetti “ghetti” e che chi compra in queste aree incontra molti problemi, e non di poco conto.

Continua a leggere→

La tua privacy uccide le opportunità: perché comprare case in USA

La tua privacy uccide le opportunità: perché comprare case in USAC’è un abisso tra il modo in cui è concepito il rapporto tra privacy e trasparenza in USA , e il modo in cui è concepito in Italia

In Italia la privacy è considerata un bene supremo. E spesso le leggi e la loro applicazione sono così fumose anche perché la privacy è usata come un’arma per fare di nascosto cose più o meno lecite.

Negli Stati Uniti, invece, il vero valore è la trasparenza, che appartiene all’identità stessa degli americani.

Negli gli Stati Uniti, nei rapporti commerciali come nella vita quotidiana, non ha alcun senso voler nascondere qualcosa se si ha la coscienza pulita.

Continua a leggere→

Vendere casa negli USA: impossibile senza un agente immobiliare

Vendere casa negli USA: impossibile senza un agente immobiliareLa vendita di immobili non avviene allo stesso modo in tutti i paesi del mondo.

In Italia e negli Stati Uniti, per esempio, si usano sistemi molto diversi.

Da oltre un secolo negli Usa si utilizzano i Multiple Listing Service (Mls), vale a dire liste in cui gli agenti immobiliari (Realtors, in inglese) di tutto il paese inseriscono gli immobili da vendere o dare in affitto disponibili su quasi tutto il territorio nazionale.

Il servizio, che oggi è una piattaforma on line, è nato alla fine dell’Ottocento e ha lo scopo di condividere le informazioni in modo da creare collaborazione tra agenti e aumentare le vendite.
Continua a leggere→

L’incubo immobiliare in Italia: perché è un mercato impraticabile?

L'incubo immobiliare in Italia: perché è un mercato impraticabile?Oggi investire nel mercato immobiliare in Italia è una follia.

Uno sguardo ai numeri ti basterà per capire che il mercato è talmente ingessato da essere quasi impraticabile: secondo dati forniti da Nomisma, dal 2005 a oggi la domanda di immobili si è più che dimezzata.

Le ragioni principali sono due:

  • Primo – chi ha liquidità e vorrebbe investire in immobili è frenato dal timore di nuove tasse o dalla paura di dover giustificare il proprio acquisto di fronte a strumenti come il redditometro, quindi cerca altre soluzioni di investimento.

Continua a leggere→

Ti stanno “rubando” i soldi in Borsa. Scopri perché è legale (aggiornato)‏‏.

Ti stanno "rubando" i soldi in Borsa. Scopri perché è legale‏‏.In ogni paese esistono persone senza scrupoli e ben organizzate pronte a commettere truffe e frodi approfittando delle scarse conoscenze finanziarie di chi tenta di investire i propri soldi in Borsa, e questo succede sia ai grandi investitori che ai piccoli risparmiatori.

Tra un paese e l’altro, però, ci sono delle differenze.

Facciamo due esempi.

In Italia:

Tutti ricordano il caso Parmalat, esploso nel 2003.

I vertici della società falsificarono il bilancio producendo un documento che attestava la disponibilità di quasi 4 miliardi di euro in un conto presso Bank of America.

Continua a leggere→

I tuoi risparmi alle poste sempre più a rischio

I tuoi risparmi alle poste sempre più a rischioPer decenni i libretti di risparmio e i buoni fruttiferi postali sono stati l’investimento sicuro per eccellenza. Oggi qualcosa è cambiato, e ti spiego perché.

La liquidità derivante da libretti e buoni fruttiferi postali è gestita dalla Cassa depositi e prestiti (Cdp), ente fondato a Torino nel 1850.

La Cdp usava questi fondi esclusivamente per finanziare gli enti locali per la costruzione di infrastrutture, concedendo condizioni agevolate rispetto a quelle di mercato. Il ricavato di queste operazioni torna ai risparmiatori sotto forma di interessi.

L’investimento in libretti e buoni fruttiferi postali è sempre stato considerato sicuro e garantito perché è davvero difficile che un ente locale fallisca, ma nel nuovo millennio le cose sono cambiate.

Continua a leggere→

Pagina 10 di 10« Prima...678910